Cristina SosioLineaFacebookLineaPagina FacebookLineaBlogLineaYoutubeLineaBlog

Dipinti

La leggenda della Donaiola

La leggenda della Donaiola

Linea

Acrilico su muro
Cm 120 x 500
2018

Passeggiata del centro storico di Quiliano

Linea

Per chi non la conoscesse, dopo aver dipinto il murales dedicato alla leggenda della Donaiola, inserisco qui di seguito la leggenda riportata dalla pubblicazione "Vie Storiche del Quilianese"

Tanti e tanti anni fa viveva a Viarasca, l’odierna Montagna, una bellissima fanciulla di nome Usanna.
Amava un giovane contadino, Pellegrino, il quale un giorno si rifiutò di pagare le pesanti gabelle che Anselmo, il castellano, aveva imposto ai suoi sudditi. Il Signore inviò allora le sue guardie per catturare chi aveva osato trasgredire ai suoi ordini. Pellegrino fu messo in catene e condotto lungo il sentiero che scendeva al rio Danè per poi risalire verso il castello, posto sopra una rupe tra Quilianetto e Pomo. Usanna volle ancora una volta vedere il suo amato e corse su un masso, sotto il mulino della Donea. Quando vide il giovane tra i soldati, si sporse per salutarlo un’ultima volta, ma i suoi piedi scivolarono e precipitò giù. Come d’incanto, ecco scaturire dalla roccia una grossa polla d’acqua a formare un lago che accolse tra le sue braccia la povera fanciulla. Da quel giorno il luogo è chiamato la Cascata della Donaiola, per ricordare la bellissima e giovane donna salvata dalle acque.
… e volete sapere come è andata a finire la storia?
Una rivolta di contadini cacciò Anselmo, liberò Pellegrino e da allora Usanna e Pellegrino vissero felici e contenti!

dalla pubblicazione "Vie storiche del Quilianese" - Box, Sentiero 4, Alla Donaiola

al lavoro

PrecedenteLineaSuccessiva

Torna ai Dipinti